Falegnamerie Alexa

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Frassino- Informazioni sul legno di frassino In evidenza

 

 

Informazioni storico-culturali

 

 

Dai manici per lance, zappe e asce del neolitico, lo sviluppo ha portato oggi ai manici per martelli, picconi e badili. Gli artigiani esperti sanno che la fibratura dovrebbe essere longitudinale. Questo diminuisce il pericolo di spaccature longitudinali in conseguenza di violente sollecitazioni. Per la costruzione dei carri il legno di frassino, stabile ed elastico, era l’ideale. Questo materiale venne impiegato anche per le carrozzerie delle automobili, tuttavia, come nella produzione degli sci, è stato superato da tempo da altri materiali. E chi si ricorda ancora delle panche di legno dei treni con la curvatura ergonomica? 
È rimasta l’attrattività del legno chiaro per i mobili di pregio.

 

 

Denominazione e provenienza:

 

NOME LATINO: Fraxinus excelsior L. e Fraxinus ornus L.


AREA DI VEGETAZIONE NATURALE: in Italia ed in Europa (con esclusione della fascia più settentrionale) presente sporadicamente nelle formazioni boschive a Latifoglie miste, dalla pianura alla media montagna.


CARATTERISTICHE DEI FUSTI: l’albero raggiunge l’altezza di 30-32 m e diametro a petto d’uomo di 50-60 cm. Il fusto è slanciato, ma non sempre perfettamente diritto; la chioma non è mai molto espansa essendo formata da rami di diametro relativamente modesto. Frequenti le tensioni interne.


ASPETTO E CARATTERISTICHE DEL LEGNO: l’alburno di colore biancastro giallognolo si differenzia dal durarne leggermente più scuro: talvolta poi compare una zona centrale nerastra, a contorno irregolare frassino olivato) presumibilmente provocata da attacchi fungini. Le superfici radiali appaiono di lucentezza madreperlacea grazie ai numerosi e finissimi raggi midollari.legno frassino


LAVORABILITÀ: la segagione, la piallatura e la levigatura non presentano difficoltà e portano a buoni risultati.

L’ essiccazione è abbastanza agevole, ma nel suo decorso possono verificarsi una serie di deformazioni: occorre quindi procedere con prudenza e al termine far subire ai segati una buona ricondizionatura .

La sfogliatura per ottenere l’impiellacciatura  è praticata molto di rado: la tranciatura deve essere preceduta da un adeguato ammorbidimento: non possono comunque ottenersi fogli molto sottili.

Le unioni con chiodi o viti esigono la foratura preventiva delle sedi: una volta eseguite risultano di buona efficienza.

L ‘incollaggio avviene normalmente.

La tinteggiatura e la verniciatura richiedono un  elevato impiego di turapori ma danno buoni risultati finali.


 

Proprietà

Con una massa volumica secca di 670 kg/m3 il frassino appartiene ai legni più pesanti e duri (durezza di Brinell di 38 N/mm2). È tenace ed elastico. La sua lavorazione richiede un medio dispendio energetico, tuttavia è necessario fare attenzione alle differenze di durezza tra il legno primaverile e tardivo, soprattutto nel caso di anelli di accrescimento ampi con porzione di legno tardivo estesa. Il legno vaporizzato si piega, taglia e sfoglia facilmente. L’essiccazione è veloce e non produce difetti, tuttavia nel caso di essiccazione artificiale, si può perdere la tonalità chiara a scapito di un colore grigio indesiderato. Alla luce il legno bianco del frassino ingiallisce. Al fine di evitare la formazione di aloni scuri, nel trattamento delle superfici dei legni con vasi grossi è consigliabile il riempimento degli stessi. Il legno di frassino è attaccabile dai funghi (classe di durabilità 5) e da insetti dannosi; l’impregnabilità è media.

 

IMPIEGHI PRINCIPALI: il legno di Frassino è particolarmente adatto per lavori di  falegnameria i cui prodotti finali devono resistere a sollecitazioni meccaniche. Il  piacevole aspetto estetico lo fa anche apprezzare per mobili ed arredamento di  interni: per queste ultime applicazioni trovano impiego anche le impiallacciature  tranciate dove sono state eliminate le parti fiammate

Nota. Il consumo italiano di legno di Frassino è coperto in parte dalle disponibilità  interne ed in parte da importazioni provenienti dalla Francia e dalla Jugoslavia.